Senza meta – Looking for love

Nepal

Baba Natale

Baba Natale

La vigilia è stata una giornata intensa fatta di regali per i ragazzi, regali preziosi arrivati grazie alle donazioni di amici, parenti e follower. Giornata di cambiamenti importanti nell’ostello e dentro me. Straordinario Natale quello che il mio viaggio senza meta mi ha portato a vivere nel villaggio della Kathmandu valley che è ormai diventato casa, incontri preziosi quelli che ho vissuto in questo giorno uguale agli altri, ma che tingiamo comunque di rosso.

Il terremoto di emozioni di Miss Universo

Il terremoto di emozioni di Miss Universo

L’esperienza notturna del terremoto ha lasciato spazio ad un nuovo giorno, riponendo tra i ricordi quanto accaduto e mostrando un presente da vivere.

I ragazzi sono venuti a prendermi a casa, sono le 6:30 del mattino e sono felicissimi perché sarà un giorno di festa. Descrivono il picnic come qualcosa di speciale, ma a pranzo riceveranno il solito dal bath. La partenza è stabilita per le 7:00, ma bisogna fare sempre i conti con il Nepali time.

Mio padre e il piatto della vita

Mio padre e il piatto della vita

Lo dice sempre mio padre: “Arriverà il giorno in cui metterai tutto sul tavolo e mangerai ciò che hai seminato”. Da adolescente percepivo questa frase quasi come una minaccia, oggi da donna ne vedo tutte le potenzialità.