Senza meta – Looking for love

Human Traction. Il tuo regalo di Natale direttamente a destinazione

20141205-human-traction-logo-feat

Sono venuta a conoscenza dell’Associazione Human Traction Onlus tramite un altro viaggiatore. Me ne sono interessata fin da subito perché, prima della partenza, avevo pensato che mi sarebbe piaciuto fare esperienze di volontariato. Tre mesi dopo, nell’incertezza del mio vagabondare, ho contattato la fondatrice ed, in meno di 24 ore, ho fatto un biglietto per il Nepal.

Oggi sono qui, in un villaggio della Kathmandu Valley, a condividere una vita fatta di cose semplici. L’acqua viene erogata 2/3 ore al giorno tramite fontane, non esiste acqua calda, non c’è riscaldamento e l’elettricità segue logiche che devo ancora comprendere (comunque poche ore al giorno).

Per scelta personale ho deciso di contattare organizzazioni gestite da PERSONE. Non volevo partecipare a progetti di volontariato trovati a caso su internet.

Human Traction Onlus nasce dall’esperienza straordinaria ed umana di una ragazza che aveva partecipato ad un progetto sponsorizzato dalla Comunità europea.

Il Nepal, purtroppo, è un paese molto corrotto e con pochi controlli. Alla fine della guerra gli orfanotrofi sono diventati un business ed i bambini la loro merce. Individui senza scrupoli vanno nelle povere zone rurali e tolgono i bambini alle famiglie con la promessa di poter offrire loro una vita migliore in città. L’ignoranza delle persone e la corruzione della polizia fanno il resto. Vengono prodotti documenti falsi in cui ai bambini vengono cambiati i nomi per farli risultare orfani e quindi adottabili.
Le donazioni di persone in buona fede hanno alimentato, inconsapevolmente, tutto questo. Mi sono sempre chiesta dove finissero realmente i miei soldi quando facevo beneficenza, ma non avevo mai immaginato di scoprire tali realtà. Sempre sognatrice io.

Oggi ho la Fortuna di essere stata accettata in questa grande famiglia e posso garantire che ogni più piccolo aiuto arriverà a destinazione perché la persona che ha reso possibile tutto questo ha fatto scelte importanti e rischiose. Fidandosi ed affidandosi al racconto di un bimbo di 8 anni, è riuscita a salvare tre bambini. Uno è tornato dalla propria famiglia, gli altri due sono qui. Hanno potuto rivedere la loro madre, incontrare la sorella che è stata adottata da una famiglia spagnola e possono sognare un domani differente. Al momento i ragazzi sono una ventina. Abbiamo bisogno di voi per garantire loro una quotidianità migliore ed un futuro in cui possano essere autosufficienti. Non si tratta di giochi e balocchi, non ne hanno bisogno. Si tratta di donare loro i mezzi per vivere la vita in condizioni migliori.
Sono qui da 10 giorni e sicuramente resterò altri due mesi. Sono qui per aiutarli in prima persona con le mie competenze. Stiamo già lavorando per garantirgli un campo di calcio sicuro e per portare acqua a bagni e cucina.

Personalmente ho due piccoli sogni che vorrei riuscire a realizzare per loro e che vi chiedo di sostenere anche con piccole donazioni, perché ciò che per voi sembra insignificante, qui può essere necessario per qualcosa di importante.

Il primo è “SOGNI D’ORO”.

Trascorrerò qui il mio Natale e per quella data vorrei garantire ad ognuno di loro un letto, un materasso ed una coperta. Il nome del progetto nasce dal modo in cui ci salutiamo la sera e non c’è cosa più bella per me, di pensare che dopo quel saluto, possano dormire comodamente e al caldo e che i loro sogni possano essere preziosi.

10403146_578579998940651_849019789361245682_n

Il secondo è “BAGNI”.

Già presente nel sito dell’associazione, perché le condizioni igieniche sono disarmanti. Da architetto, sto progettando il loro rifacimento, sarò in loco per i primi lavori e, se il mio viaggio lo permetterà, tornerò in estate per ultimarli.

10429819_578580075607310_5845978661598841366_n

 

Questo non è un post per supplicarvi di donare soldi, è un post che vuole aprire gli occhi su questa realtà. Sono certa che chi vorrà aiutarci lo farà. Dico solo che io, quest’anno, non mangerò il pandoro che adoro, ma avrò la fortuna di essere qui. Il mio regalo di Natale l’ho ricevuto in anticipo… SONO LORO. L’equivalente di un gioco o di un panettone per voi, può essere un regalo immenso per questi ragazzi.

Vi invito a visitare il sito dell’Associazione Human Traction Onlus per conoscerne la storia e i progetti e a mettere “Mi piace” sulla pagina Facebook.

Per qualsiasi dubbio o domanda potete contattarmi privatamente tramite il mio profilo Facebook Marzia D’Ascenzo.

Condividete il più possibile perché

“Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno.” – Madre Teresa di Calcutta

Oggi non vi saluto con il mio solito modo perché, per due mesi, la mia latitudine e la mia longitudine rimarranno le stesse.

Grazie infinitamente a chi si è già attivato e a chi lo farà.

 

Lascia un commento