Senza meta – Looking for love

La mia prima serata da viaggiatrice

Giornata di riflessioni quella di ieri. Giornata in cui cerchi di capire perché, ciò che dovrebbe condurti altrove, salta. Giornata di sconforto e di infinita sorpresa.

La mia mente recupera il ricordo del film Sliding doors e finalmente, a cena, comprendo perché tutti i miei passaggi per Barcellona sono saltati: dovevo trascorrere la mia prima serata da viaggiatrice.

Il ragazzo che mi ospita mi ha portato alla cena sociale del suo gruppo di corsa e appena ho stretto le mani di quelle persone ho capito perché ero ancora a Torino. Ho trascorso una serata speciale e, quando ho rivelato il mio progetto, i loro animi sono esplosi. Occhi pieni di gioia, parole di stima, abbracci carichi di affetto come saluto. Sono tornata a casa ubriaca di emozioni (perché il vino non era granché) e carica di adrenalina.

Ho faticato a dormire. Chiudevo gli occhi e rivedevo i volti di ognuno di loro… aprivo gli occhi e continuavo a leggere le loro parole. Mi sono dovuta ripetere che fosse tutto vero e che non si trattasse di un sogno. La bandiera è stata firmata, i contatti con Torino sono stati fissati, il mio animo è stato rinforzato… quindi ecco perché Barcellona sta ancora aspettando.

A presto da una nuova latitudine e longitudine di vita.

Un pensiero su “La mia prima serata da viaggiatrice

  1. Pingback: Torino città magica? | Senza meta - Looking for love

Lascia un commento